EDUCATION

ARTE ED EMOZIONI

Progetto d’esperienza: emozionArti

Il progetto di esperienze nasce dal desiderio di avvicinare i bambini al complesso ed affascinante mondo dell’arte.

I bambini fin da piccoli mostrano il bisogno di rappresentare graficamente emozioni, sentimenti, avvenimenti, situazioni, desideri proprio come i grandi pittori anche loro vogliono esternare e realizzare produzioni che testimonino l’espressione di loro stessi favorendo il manifestarsi della propria creatività e fantasia. Disegnare, creare, sperimentare infatti, mette in comunicazione con se stessi e con gli altri.

Come asserisce A. Munari citando un antico proverbio cinese, “Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco”, per questo l’arte visiva non va raccontata a parole, va sperimentata: le parole si dimenticano, l’esperienza no. Al di là del tipo di proposta è chiaro che, quei giochi e quelle esperienze che verranno fatte, sono un’occasione quotidiana per ampliare il campo delle conoscenze.

Con questo progetto si attiva un percorso di ricerca in cui la pittura, l’assemblaggio ed il colore puro, sfumato, stampato, graffiato, tagliato, stropicciato porta alla costruzione di itinerari in cui la forma assume un aspetto del tutto secondario. I bambini sono infatti stimolati a cercar di rappresentare qualcosa di personale andando oltre un’opera denotativa leggibile dall’adulto, e favorendo forme comunicative efficaci anche poco corrispondenti alle raffigurazioni stereotipate.

I bambini saranno infatti “aiutati a disegnare l’esplicito e l’implicito, il visivo e il percepito, lo stativo e il mutevole, il realistico (che è poi la ricerca che fanno anche gli artisti adulti)”

Questo percorso dentro ed attorno all’arte ha l’obiettivo di potenziare ed evidenziare l’acquisizione di un concetto fondamentale: che ciascuno ha il diritto e la possibilità di esprimere, in maniera personale, originale ed autonoma, le proprie sensazioni, le gioie, le paure, le idee, i desideri, le tensioni attraverso l’uso di altri linguaggi oltre a quello della parola favorendo così la libertà di espressione. Tutte le proposte quindi tenderanno a favorire la scoperta e la conoscenza da parte del bambino delle proprie emozioni e dei propri sentimenti e della propria individualità ed unicità.

Questo progetto vuol dare l’opportunità ai bambini di liberare il pensiero, aiutare a sviluppare forme di conoscenza multiple che interagiscono dando loro fiducia e sicurezza nelle proprie capacità e potenzialità espressive, creative e manuali. Uno degli intenti di questo percorso è quello di favorire un avvicinamento all’arte che passa attraverso il gioco, con la consapevolezza che il fare e l’agire in prima persona permetterà ai bambini di raggiungere un’effettiva comprensione sia delle caratteristiche estetiche di un quadro, che dei processi che portano alla sua realizzazione.

Le attività del progetto di esperienza “emozionARTI” saranno finalizzate alla sperimentazione di tecniche, strumenti e approcci diversi di rappresentazione, in modo che ciascuno trovi la modalità che gli consente di esprimersi meglio affinchè “chi disegna sia aiutato a divenire libero dai condizionamenti e dagli stereotipi.

OBIETTIVO GENERALE:

– promuovere una prima esperienza di educazione estetica;

– conoscere e “lavorare” i segni ed i colori in maniera assolutamente creativa;

– far vivere situazioni stimolanti per esprimere sé stessi e le proprie emozioni.

Organizzazione e modalità didattica:

Le attività del progetto di esperienza partiranno dal mese di settembre e verranno proposte con regolarità settimanalmente fino a novembre, da gennaio a marzo e da marzo a giugno.

Il progetto si articolerà in tre fasi che si collegheranno ed intrecceranno nei mesi di svolgimento. Infatti, il percorso parte da attività ludico educative stimolanti per il riconoscimento e l’espressione dei sentimenti e delle emozioni, si sviluppa attraverso l’invenzione di storie fantastiche e le sperimentazioni grafico pittoriche per la rappresentazione delle emozioni, delle percezioni e del simbolico, per arrivare a far vivere ai bambini una prima esperienza di educazione estetica attraverso immagini di Joan Mirò, Burri, Picasso, Matisse di altri artisti famosi.

Il bambino nella prima fase :

– riconosce le emozioni e le sa esprimere, descrive e associa a diverse situazioni e persone (il sé e l’altro);

– descrive le emozioni e racconta episodi e situazioni in cui le ha provate (i discorsi e le parole);

– rappresenta graficamente e drammatizza le emozioni (linguaggi, creatività ed espressione);

– legge simboli ed immagini convenzionali riferite alle emozioni (conoscenza del mondo);

– esprime attraverso il linguaggio corporeo le emozioni (il corpo e il movimento).

Seconda fase (invenzione storie fantastiche e sperimentazioni grafico pittoriche, manipolative e plastiche):

– riconosce le proprie e le altrui emozioni e riesce ad esprimerle in maniera positiva ed adeguata;

-accoglie e accetta le opinioni e le proposte dei compagni nella realizzazione delle produzioni (il sé e l’altro);

– esprime e aggiunge elementi innovativi e originali per la realizzazione del racconto (i discorsi e le parole);

– contribuisce alla realizzazione di un elaborato artistico comune

Terza fase

  • sperimentazione della manipolazione, l’assemblaggio e la pittura (linguaggi, creatività ed espressione);
  • affina gli schemi dinamici e statici attraverso giochi motori e drammatizzazioni di sequenze della storia (il corpo e il movimento);
  • scopre cosa succede se vengono mischiati, uniti assemblati materiali diversi; formula ipotesi rispetto all’evolversi della storia e prevede situazioni conseguenti (conoscenza del mondo).
  • rappresenta con il linguaggio corporeo le raffigurazioni artistiche e le emozioni che esse suscitano (il corpo e il movimento

Per info e iscrizioni:

info@rainbow-lab.com