Sabato 16 novembre -Museo del 900 di Milano:

Perche’ Visitarlo E Cosa Vedere…

ll Museo del 900 si trova all’interno del Palazzo dell’Arengario in piazza Duomo, proprio affianco al Palazzo Reale. Inaugurato nel 2010, nasce con l’intento di diffondere la conoscenza dell’arte del Novecento e di collocare, nel migliore dei modi e negli spazi che meritano, le collezioni d’arte che Milano ha ereditato nel tempo.

Il Museo mostra al pubblico circa 400 opere selezionate tra le quasi 4.000 dedicate all’arte italiana dello scorso secolo, proprietà delle Civiche Raccolte d’Arte milanesi.
Un vero e proprio excursus temporale dell’arte che non esclude proprio nulla: Avanguardie Internazionali, Futurismo, opere astratte, opere informali e tantissime altri capolavori che hanno segnato il secolo passato.

In questa occasione ti propongo un Art Experience dove ti inviterò a compiere un viaggio nel tempo, a soffermarti e a riflettere su alcune opere molto significative della storia dell’arte.

Per esempio..Il Quarto Stato di Pellizza Da Volpedo, lo conosci? Visto e rivisto nei libri di storia e diventato simbolo del lavoro subordinato e delle sue battaglie politico-sindacali; ti impressiona grazie ai suoi 5 metri di larghezza e 3 d’altezza.

Bèatrice Hastings di Amedeo Modigliani..Come non perdersi davanti a un ritratto di Modigliani? Collo allungato e occhi vuoti sono il suo marchio di fabbrica. Il soggetto ritratto è la celebre scrittrice e poetessa con cui ebbe una tormentatissima relazione d’amore. Ne vogliamo parlare?

Giacomo Balla – Ragazza che corre sul balcone, qui se siete troppo vicini alla tela vi apparirà tutto poco chiaro. Provate ad allontanarvi, ecco che comincerete a distinguere una fila di stivaletti e le onde della gonna blu che si alzano allo “sgambettare” delle fanciulle, o meglio di una sola.

Umberto Boccioni forme uniche della continuità nello spazio, il pensiero Futurista, movimento e fluidità, ma per comprendere la potenza di questi lavori dobbiamo imparare a girarci attorno. 🙂

La Femme Nue di Pablo Picasso riprende la figura in piedi sulla destra del grande dipinto “Le Demoiselles d’Avignon”, una delle opere più complesse e cariche di significato dell’artista spagnolo e della storia dell’arte del Novecento, infatti è stata realizzata nello stesso anno, nel 1907.

Henri Matisse- Odalisca, un soggetto presente in molti quadri dell’artista francese, particolarmente amato per le sue ambientazioni ricche di decorazioni, spesso orientaleggianti.

Wald Bau – Paul Klee segni e colori sintetizzano la sua visione artistica con una miscela di espressionismo e astrattismo.

E ancora..

Jannis Kounellis le opere di questo artista greco contemporaneo sono caratterizzate da segni tipografici su sfondo chiaro: sono delle vere e proprie scenografie che occupano fisicamente lo spazio visivo e circondano lo spettatore rendendolo attore protagonista. Sei pronto/a?

Per terminare in un’area del Museo dedicata all’arte cinetica, una corrente artistica sviluppatasi negli anni 50′ che si propone di introdurre il movimento nell’opera d’arte. Ciò che caratterizza le opere è il rapporto attivo che si crea fra loro e lo spettatore: l’immagine si modifica in seguito allo spostarsi nello spazio di chi guarda. Sarà divertente perdersi nel labirinto degli specchi ed interagire direttamente con le opere.

Infine, Neon – Lucio Fontana l’opera con i suoi tubi serpeggianti esalta il movimento e il dinamismo, incarnando perfettamente l’idea di celebrare l’evoluzione dell’arte del ‘900 e diventandone quindi il simbolo di questo Museo.

Una vera e propria passeggiata al museo tra arte, storia, panorama e divertimento vi accompagneranno in un’esperienza che difficilmente scorderete!

Questa Art Experience sarà condotta da Giulia Zanesi, Operatrice culturale e Storica dell’Arte.

Costi comprensivi di ingresso al museo:
Adulti 25 euro
Ragazzi 12-18 anni 10 euro
Bambini gratuito

Posti: max 10 persone

Ritrovo: Ingresso del Museo ore 15.30

Durata: 15-30- 18.00

Per iscrizioni e informazioni:
info@rainbow-lab.com